Manu Ginobili
LaPresse/EFE

Manu Ginobili ha parlato di ciò che gli manca del basket dopo il ritiro: l’ex Spurs ricorda con piacere le cene di squadra e le occasioni di fare gruppo, ma non rimpiange la fatica e i back to back

Al termine di un’esibizione in Cina, Manu Ginobili si è soffermato a parlare ci ciò che gli manca del basket NBA dopo il ritiro. La stella argentina che ha dedicato la sua carriera agli Spurs, ha spiegato di pensare con nostalgia a tutte le occasioni di fare gruppo con i compagni come la preparazione pre-stagionale, l’atmosfera di spogliatoio o le cene dopo le partite, ma non rimpiange per nulla viaggi e back to back.

Ginobili ha spiegato: “mi manca lo spogliatoio, le cene dopo le partite. La preparazione, il senso di scendere in campo ed essere una squadra. Non mi mancano i viaggi, i back to back, non essere capace di dormire bene, essere stanco e con dolori. Spurs? Possono avere qualsiasi squadra ma loro saranno sempre tra i primi. Non sono di certo i favoriti. Non penso siano tra le sei migliori squadre della NBA. Forse sono l’ottava. Ma sai già che giocheranno bene. Che saranno ben allenati”.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE:

>> Per iOS

>> Per Android