valentino rossi
Costanza Benvenuti - LaPresse

Post qualifiche infuocato a Misano: il contatto sfiorato fra Valentino Rossi e Marc Marquez dà vita ad un acceso confronto a distanza dopo il Q2

L’ascia di guerra sembrava sepolta da qualche tepo, ma il fuoco della rivalità brucia ancora sotto la cenere. La scintilla scocca nel finale del Q2 delle qualifiche di Misano, Valentino Rossi e Marquez incrociano le loro traiettorie, poi un gesto plateale con le mani. Scuse? Neanche per idea. Cos’è accaduto? Ognuno dà la propria versione.

Marquez incolpa Valentino Rossi di averlo ‘aspettato’ e aver effettuato un sorpasso strano, il Dottore risponde per le rime ai microfoni di Sky Sport: “pensavo Argentina 2018, quando mi ha steso senza ritegno. Marquez dice che io l’ho aspettato di proposito? Io che ero davanti? (ride) Sinceramente non capisco. Appena sono andato largo lui mi è venuto subito a bloccare per finire le ultime possibilità che avevo di completare il giro, poi mi ha fatto cenno con la mano ma non ho capito cosa volesse dire. Se si riparla del 2015, deve dare molto più fastidio a lui che a me. Partire dietro è un grande peccato perchè speravo di essere fra i primi 5, ne avevo il potenziale, il mio passo è buono e siamo veloci. Con la prima gomma, nella seconda parte del giro, sono arrivato in un tratto di pista nel quale c’erano tanti piloti che avevano rallentato. Con la seconda gomma ho cercato di spingere un po’, ma non ero tanto veloce“.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE:

>> Per iOS

>> Per Android