Lorenzo
AFP/LaPresse

Lo spagnolo non ha usato mezze misure per indicare i problemi che lo condizionano in sella alla Honda

Le prestazioni di Jorge Lorenzo non migliorano con il passare dei Gran Premi, lo spagnolo rimane incatenato sempre nelle retrovie, incassando tanti secondi di gap dal compagno di squadra e dagli altri piloti di vertice.

Lorenzo
AFP/LaPresse

Una situazione difficile da gestire per il maiorchino, che non è apparso per nulla fiducioso in vista del prosieguo del week-end spagnolo: “in generale mi sento meglio fisicamente. Ho solo un po’ di dolore alla schiena e al collo. Entrambe le vertebre sono guarite, ma l’area circostante fa male, anche se sempre meno. Il problema è che lo sforzo che faccio per andare in moto fa sì che il dolore ritorni. Il problema non è fisico, sono molto lontano. E’ complicato perché domani pioverà. Il feeling con la moto non è buono, non sono fiducioso. Il mio ritmo lascia molto a desiderare. Arriveremo a domenica senza alcuna possibilità di migliorare molto la moto. Ovviamente non sono soddisfatto, vorrei essere più vicino. Non sono mai stato molto vicino al più veloce. Il cambiamento che è stato fatto alla moto dell’anno scorso mi ha pregiudicato ogni possibilità di miglioramento. Ci sono due cose che mi impediscono di andare più veloce con questa moto: il motore e il telaio“.