davide cassani
Daniele Leone/LaPresse

Il commissario tecnico ha avuto solo parole d’elogio per i propri ragazzi, autori di una prestazione davvero impeccabile

Si è lasciato sopraffare dalle emozioni il commissario tecnico Davide Cassani dopo il secondo posto di Matteo Trentin ai Mondiali di ciclismo, conclusi oggi con la vittoria di Max Pedersen nella prova in linea élite maschile.

trentinIl danese ha beffato in volata il corridore azzurro, lasciandogli solo la medaglia d’argento e prendendosi l’oro. Una piccola delusione che, per Cassani, non cancella l’ottima prestazione della Nazionale Italiana: “c’è delusione, erano anni che non piangevo. E’ una squadra che si era mossa così bene, abbiamo corso in un modo impeccabile e vedere che c’è uno che ci batte brucia molto. Dispiace. Abbiamo cercato in tutte le maniere di poter vincere e sapevo di avere una squadra forte, coesa, cattiva. Sono orgoglioso dei miei ragazzi. Sono saltati tanti campioni oggi, noi eravamo lì, prima con Moscon, poi con il rientro di Trentin. Sono stati bravi, è stato un piacere vederli. Arrivare secondi sì, brucia molto. Non l’ho vista la volata, posso dire che Matteo non ha sottovalutato nessuno. Sapeva che si stava giocando un Mondiale. Vuol dire che gli altri stavano super bene. Dopo il traguardo Matteo non riusciva neanche a parlare per il freddo. Mi ha solo detto ‘Mi dispiace’“.