(AdnKronos) – Come apprende l’Adnkronos, dalla relazione compilata dai medici che hanno eseguito nei giorni scorsi una nuova ispezione, è emerso lo stato di salute precario dei 31 migranti rimasti a bordo. Oltre ai cinque casi di scabbia, ci sono altri casi di depressione acuta. E da ieri alcuni migranti hanno anche iniziato lo sciopero della fame. Da alcuni giorni non funziona neppure il dissalatore e le persone a bordo devono usare le bottiglie di acqua o i secchi per lavarsi.