“La mamma di Zaniolo è una puttana”, la risposta di Francesca Costa: “Nicolò ha reagito, a mia figlia ho spiegato…”

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

  • Instagram @frac77

    Instagram @frac77

/

Insulti prima e durante il derby di Roma, la madre di Zaniolo risponde a tono: Francesca Costa felice per la reazione di suo figlio in campo,

È stato un derby di Roma dal clima alquanto pesante per la famiglia Zaniolo. Nicolò, come ogni giocatore importante che si rispetti, è stato bersagliato dai tifosi avversari addirittura anche prima della partita. Cori e insulti si sono sprecati fin dal raduno dei tifosi laziali a Ponte Milvio, nel quale il coro più gettonato è stato “la mamma di Zaniolo è una puttana“.

Francesca Costa, la madre del calciatore, si è limitata a rispondere con un post social: “agli insulti cantati da individui così educati, di cui le madri saranno orgogliose, tu hai risposto sul campo nel miglior modo possibile”, ricevendo commenti dal sapore di: “abituati, è così che funziona nel calcio“.

Ai microfoni di SportMediaset Francesca Costa ha chiarito la sua posizione, spiegando le sensazioni provate dal suo punto di vista: “innanzitutto chi continua ad attaccarmi non ha capito il senso del mio post: io parlavo a mio figlio, e solo a lui; volevo sottolineare quanto avesse avuto le palle, è stato il miglior è in campo nonostante questi cori maleducati. Non lo sto certo difendendo, non ne avrebbe bisogno; ma volevo ringraziarlo, mi rende orgogliosa. Volevo dirgli che ha le spalle larghe e che penso che possa affrontare qualunque cosa se non si fa scalfire da migliaia di persone che insultano sua madre. Come ha reagito Nicolò agli insulti? Entrando in macchina, si è girato verso suo padre e gli ha chiesto: ‘ma i cori alla mamma?’ Aveva la faccia di chi voleva dire ‘è stata tosta‘ ma io gli ho detto subito che era stato bravo, che era come se non li avesse sentiti. Mi scrivono che quegli insulti sono partiti in risposta ad un fallaccio fatto da Nicolò: mi limito a dire che c’erano arbitro e Var a giudicare e che i cori li intonavano già nel pomeriggio a Ponte Milvio. Li chiamano sfottò, ma gli sfottò sono altri. Mi dicono: ‘ci sono sempre stati’, ma non per questo, sono giustificabili. Io uso molto l’ironia, e con mio marito ci abbiamo riso su. Ma non è certo simpatico, mi dispiaceva per mia figlia. Poi le abbiamo un po’ spiegato e… vabbè, pazienza. Ma un ragazzo di 20 anni che non si fa deconcentrare da una cosa così, per me resta un vanto“.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE:

>> Per iOS

>> Per Android

Valuta questo articolo

Rating: 3.7/5. From 7 votes.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (17406 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery