Inter-Udinese, Conte ammette: “Sanchez va riportato ai suoi livelli. Icardi? Non è giusto che ne parli”

Marco Alpozzi/LaPresse

L’allenatore dell’Inter ha presentato la sfida con i bianconeri di domani, soffermandosi su alcune individualità

Sei punti in due partite, l’Inter di Antonio Conte ha iniziato benissimo la stagione, issandosi in testa alla classifica insieme a Torino e Juventus.

Credits: Instagram @Mauroicardi

Domani sera a San Siro arriva l’Udinese, l’ultimo banco di prova prima del derby, un esame da passare a pieno voti per poi concentrarsi sulla Champions e sulla sfida con i cugini rossoneri. In conferenza stampa Antonio Conte si è complimentato con la propria squadra, confermando come alla Pinetina si sia tornati a respirare entusiasmo: “la partenza è stata buona perché abbiamo fatto sei punti nonostante qualche infortunio in avvio. Si percepisce l’entusiasmo attorno a noi e questo è un bene, però come ho detto questo entusiasmo deve essere dovuto al fatto che i nostri tifosi stanno vedendo che si stanno ponendo delle basi importanti per costruire qualcosa di importante al di là del risultato, che è effimero. Icardi? E’ giusto si presenti da solo. Gli auguro un grandissimo in bocca al lupo, ma oggi non fa parte della squadra e quindi non è giusto che ne parli”.

Marco Alpozzi/LaPresse

Su Sanchez e Lukaku: “il compito di un allenatore è far rendere un giocatore al massimo. Alcuni top di oggi, quando io sono arrivato non avevano mai vinto. Il mio compito è migliorarli e anche in chi ha già una certa carriera alle spalle come Tevez, o come è per Sanchez ora, riportarli al regime che gli compete. Ad Alexis è successo qualcosa in questi due anni e io dovrò essere bravo con lo staff a riannodare quel filo, al tempo stesso lui dovrà esserlo nel dare totale disponibilità. E’ venuto con grandissimo entusiasmo, sono convinto che lui possa darci qualcosa di importante. Lukaku? Romelu è entrato nel pianeta Inter nel miglior modo possibile, con umiltà, disponibilità e con il sorriso. E’ stato importante perché il resto del gruppo ha capito subito e lo ha accolto nella maniera migliore. Oltre ad avere qualità calcistiche importanti ha doti umane. Un ragazzo di valore, buono, che si mette a disposizione della squadra”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Ernesto Branca (29529 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery