Godin
Lapresse

Il difensore uruguaiano ha parlato degli obiettivi dell’Inter in questa stagione, soffermandosi anche sul paragone tra Conte e Simeone

La stagione è iniziata al meglio per l’Inter, cinque vittorie su cinque in Serie A e solo un mezzo passo falso in Champions League contro lo Slavia Praga.

Marco Alpozzi/LaPresse

Merito del lavoro di Conte e della crescita della qualità della rosa nerazzurra, che adesso può contare in difesa anche su Diego Godin. Arrivato in estate a parametro zero dall’Atletico Madrid, l’uruguaiano sta cominciando adesso ad ambientarsi nella sua nuova squadra e, ai microfoni di Marca, ha espresso le sue prime sensazioni: “è troppo presto per qualsiasi considerazione, la Juve ha aggiunto nuovi innesti a una squadra già rodata da tanti anni, è un vantaggio importante. Noi siamo un club ambizioso, vogliamo competere su tutto, ma al massimo siamo una candidata nella lunga lotta scudetto. Questa Inter è costruita attorno a Conte, un po’ come il mio Atletico ha la forte impronta del Cholo. Entrambi sono allenatori con molta personalità e qui in nerazzurro Conte è la figura centrale questo puzzle. Sono simili soprattutto nella cura dei dettagli. Qui guardiamo tanti video, per esempio. Non solo per correggerci dopo una partita, ma anche sui futuri rivali. E anche il lavoro tattico in campo è diverso“.