photo4/Lapresse

Nel weekend della sua gara numero 307, Kimi Raikkonen pensa al suo possibile ritiro: il pilota dell’Alfa Romeo spiega di voler dire addio quando non si sentirà più in grado di competere

Kimi Raikkonen è pronto a diventare il 3° pilota più ‘esperto’ della F1. Il finlandese a Sochi correrà la gara nuero 307 in carriera, scavalcando Schumacher e Button in questa speciale classifica.

In conferenza stampa è venuto fuori, inevitabilmente, l’argomento ritiro, affrontato con estrema serenità dal Kimi Raikkonen che ha risposto così: “non avrei mai immaginato di avere una carriera così lunga, speravo di finire molto prima. In realtà avevo anche smesso, ma poi ho ripreso. Sicuramente non avevo idea di quanto potesse essere lunga la mia carriera. Speravo di durare 1-2 anni, ma poi è andata in modo diverso. Sono contento sia andata così, continuo a divertirmi e speriamo di poter fare ancora buone cose, sono felice di fare questo lavoro e vedremo come andrà. Se vado fiero della mia longevità? Per quanto mi riguarda finchè mi sento in grado di guidare a questo livello continuerò a farlo. Finchè nella mia testa non scatta qualcosa che mi dice che non sono più in grado di correre sono contento di concentrarmi sulle gare e di mettere da parte tutte le altre sciocchezze che riguardano questo mondo. Al momento cerco di concentrarmi sui risultati che sono la cosa più importante. Un giorno smetterò e quando guarderò indietro tutto questo avrà un significato“.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE:

>> Per iOS

>> Per Android