binotto leclerc vettel
photo4/Lapresse

Mattia Binotto analizza il lavoro di squadra svolto ieri a Spa che ha permesso a Leclerc di aggiudicarsi il Gp del Belgio

La Ferrari ha finalmente trovato la sua prima vittoria e lo ha fatto ieri a Spa, in Belgio, in un weekend agrodolce. Leclerc è salito per la prima volta nella sua carriera sul gradino più alto del podio di Formula 1 e lo ha fatto per omaggiare il suo amico Anthoine Hubert, morto nel tragico incidente di sabato in Gara-1 di F2.

photo4/Lapresse

Una vittoria di squadra, con Vettel che si è sacrificato per aiutare il suo compagno di squadra e si è accontentato del quarto posto, alle spalle delle Mercedes di Hamilton e Bottas.  “La nostra tattica è sempre stata sin dall’inizio del campionato quella di fare una strategia per massimizzare il risultato della squadra. Non è facile perché chiaramente i piloti vogliono correre per il loro risultato. I nostri due piloti erano su due differenti strategie e alla fine ha pagato, ma eravamo pronti anche ad allungare il primo stint di Vettel. Guardavamo attentamente quello che accadeva in pista con Mercedes. Non abbiamo ancora una spiegazione per la differenza di passo sulle gomme medie tra Vettel e Leclerc. Oggi sulle gomme soft andavamo molto forte, ma con le medie soffrivamo. Come ci è già accaduto, è difficile la gestione degli pneumatici con la nostra macchina”, queste le parole di Mattia Binotto al termine della gara di Spa.

photo4/Lapresse

La prima vittoria in Ferrari come team principal? Non credo sia importante. Lavoriamo come un unico team”, ha concluso il team principal Ferrari.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE:

>> Per iOS

>> Per Android