Leclerc
photo4/Lapresse

Il pilota monegasco non ha mandato già la strategia della Ferrari, che ha permesso a Vettel di sopravanzarlo dopo il pit-stop

Se c’è una faccia leggermente triste nel box Ferrari oggi a Singapore è quella di Charles Leclerc, costretto a chiudere al secondo posto dietro Vettel a causa della strategia del muretto box. Chiamato in maniera repentina in pit-lane, il tedesco è riuscito a uscire davanti al monegasco, furioso per lo scambio di posizioni.

Leclerc
Lapresse

Interrogato su questa situazione al termine della gara, l’ex Alfa ha espresso le proprie sensazioni ai microfoni di Sky Sport F1: la cosa di cui sono sicuro è che tutta questa decisione non è contro di me, ma è per il bene del team e questo lo capisco completamente, è quello che dovrebbe essere sempre in queste gare. Alla fine siamo primo e secondo oggi, è quello che volevamo ed è quello che merita tutto il team in fabbrica. Sicuramente dentro la macchina è difficile da accettare. Se c’è qualcosa che non capisco? Per adesso non lo so. Non so se sarebbe stato possibile che io mi fermassi prima e fare comunque primi e secondi nell’ordine in cui abbiamo iniziato la gara. Penso non fosse possibile perché sennò l’avrebbero fatto. Capisco di più adesso, a mente fredda, ma devo comunque avere tempo per capire questa decisione. Sicuramente è stato molto difficile capirla in macchina. Sono contento soprattutto per il team. Se lo merita pienamente. Siamo arrivati qua sperando di avere almeno una macchina a podio e usciamo da questo weekend, forse il migliore dell’anno, primo e secondo. È incredibile. Sono molto contento per il team e anche per Sebastian. Una prima vittoria e mezza dopo quella del Canada è buono per lui e speriamo che nella prossima gara andrà meglio per me”.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE:

>> Per iOS

>> Per Android