Hamilton
Photo4/LaPresse

Il britannico si gode la vittoria numero 82 in carriera, ottenuta grazie ad un pizzico di fortuna che Hamilton non vuole ammettere

Lewis Hamilton vince il Gran Premio di Russia per la quarta volta in sei edizioni disputate, ottenendo il successo numero 82 in carriera. Una vittoria inaspettata per il britannico, che sfrutta il guasto avuto dalla monoposto di Vettel e la successiva VSC per sopravanzare le due Ferrari e completare la doppietta Mercedes con Bottas alle sue spalle.

Hamilton
Photo4/LaPresse

Fortuna? Niente affatto secondo il campione del mondo, intervenuto ai microfoni di Sky Sport F1 per fare chiarezza: “non mi sento fortunato oggi, non faccio molto affidamento sulla fortuna perché devi metterti nella posizione giusta al momento giusto. Essere secondo in griglia è stato importante perché ero vicino alle due Ferrari. Vettel è stato sfortunato, avremmo potuto competere per la vittoria lui con le medie e io con le soft ma sfortunatamente non è andata così. Noi pensiamo a tutto per cercare di migliorare la macchina, non c’è una soluzione rapida ma oggi siamo riusciti a fare tutto ciò che dovevamo fare. Ci siamo avvicinati alla Ferrari e ci siamo messi nelle condizioni di vincere la gara. Dalle simulazioni avevamo visto che soffrivamo sul passo, ma che le gomme soft avrebbero avuto un calo repentino, per cui è stata presa la decisione di partire con le medie allungando lo stint iniziale, per poi attaccare nel finale. Prima della sosta si è notato tutto questo, mi sono avvicinato molto a Charles e Sebastian“.

Hamilton
Photo4/LaPresse

Il britannico poi ha proseguito: “dopo è entrata la Safety Car e chiaramente ci siamo trovati con il primo posto in pugno. Mi dispiace aver rubato la festa ai fan della Ferrari, ma questa è la conferma che in Mercedes nessuno si arrende, anche nei momenti difficili e quando bisogna inventarsi qualcosa per far rendere la macchina. Pensiamo costantemente a tutto per migliorare la macchina, non c’è una soluzione rapida e ci vuole pazienza. Oggi semplicemente abbiamo fatto tutto bene e meglio della Ferrari rispetto agli scorsi weekend, trovandoci nella posizione per vincere la gara. Eravamo partiti molto in difficoltà, in qualifica lo abbiamo visto, per cui andava pensata una strategia diversa per la gara. Sembra sia passato così tanto tempo dall’ultima volta che abbiamo festeggiato… Il nostro approccio è sempre ottimo e la differenza la fa questo. Si pensa sempre a come migliorare e a trovare soluzioni per essere davanti. E’ una sfida che amiamo tutti e che affrontiamo con grinta ed energia“.