Photo4/LaPresse

Il team principal della Ferrari ha parlato della stagione attuale e della prossima, soffermandosi sui piloti e sugli obiettivi da raggiungere

E’ un momento alquanto positivo per la Ferrari, tre vittorie consecutive e la possibilità di centrare un clamoroso poker in Russia, dove i rettilinei del tracciato di Sochi potrebbero favorire le monoposto del Cavallino.

vettel
Lapresse

Nonostante le note positive, nel box in rosso i piedi restano ben piantati a terra, considerando il fatto che le Mercedes possano davvero uscire dal guscio in qualsiasi momento. Intervistato da Motorsport.com, Mattia Binotto ha chiesto calma e sangue freddo, rivelando anche la direzione presa dalla Ferrari per questa e per la prossima stagione: “non credo che siamo stati i più veloci oggi, ma sicuramente eravamo competitivi e questa per noi è una conferma importante. Singapore è stato un weekend fantastico, il nuovo pacchetto aerodinamico ha funzionato, ma penso che sia altrettanto importante confermare il suo funzionamento questo weekend, su una tipologia differente di pista. La macchina oggi si è comportata bene, siamo stati veloci. In generale, abbastanza felice almeno per oggi. La scia è abbastanza importante qui in Russia, ma la prepareremo eventualmente per la qualifica qualora non dovesse esserci la pista bagnata, perché in caso di pioggia la situazione è completamente diversa. La scia va considerata, non sarà un vantaggio enorme ma comunque una variabile importante”.

binotto
photo4/Lapresse

Gli ultimi aggiornamenti portati in pista nelle ultime gare potrebbero fare al caso della Ferrari anche nella prossima stagione, come ammesso da Binotto: “potrebbe essere che gli aggiornamenti previsti sulla monoposto del prossimo anno siano stati portati sulla vettura attuale. Ma in generale qualsiasi lavoro si faccia sull’auto attuale, vista la stabilità dei regolamenti è sicuramente interessante anche per il prossimo anno, così come qualsiasi soluzione realizzata in questa stagione in termini di comprensione sarà fondamentale anche per 2020. È per questo che ci stiamo ancora concentrando sul 2019, non solo perché siamo a caccia di vittorie ma anche perché sappiamo che una buona conoscenza generale della vettura attuale sarà la comprensione per la prossima stagione. Dal GP di Spagna abbiamo constatato che le prestazioni erano pessime sui circuiti ad alto carico e curve lente, ed abbiamo fatto molti sforzi internamente per cercare di capire quali fossero i punti deboli della monoposto, passando dalla gestione delle gomme alla ricerca della direzione di sviluppo da seguire. Direi che ora a Maranello siamo davvero concentrati sulla macchina del prossimo anno, e se arriverà qualcosa saranno novità minori. 

binotto leclerc vettel
photo4/Lapresse

Sulla gestione dei piloti: “la Mercedes ha due piloti di punta, ed in passato hanno vinto sia con Hamilton che con Rosberg quando erano in squadra insieme, quindi non credo sia impossibile. Sono molto contento dei piloti che abbiamo, credo che oggi un ottimo mix tra una figura d’esperienza ed un giovane di talento, per Charles avere Seb accanto a lui è un fattore chiave. Come stiamo affrontando quel fronte? Penso che non ci stiamo comportando male, stiamo gestendo i nostri piloti in gara, e loro stanno capendo cosa vuole la squadra da loro. Non lo vedo come un problema o una limitazione. Serve imparare dagli errori ed assicurarsi che non si ripetano in futuro. Non è una questione di rimpianto, lo sarebbe se non imparassimo dagli errori commessi, ma al contrario vedo una squadra che sta crescendo, e questo è l’aspetto più importante”.

photo4/Lapresse

Infine, Binotto ha svelato gli obiettivi della Ferrari in questa stagione: “sarebbe bello fare almeno meglio dell’anno scorso, così la squadra dimostrerebbe che stiamo migliorando. So che abbiamo avuto un brutto inizio di stagione, e questo ci ha complicato le cose, ma non è impossibile. Quello dovrebbe essere il primo obiettivo, quindi proviamoci, e se diventerà possibile fare di più non ci tireremo certo indietro“.