Atletica – Europa-USA: a Minsk sei azzurri in gara, c’è anche Tortu

filippo tortu Foto Alfredo Falcone - LaPresse

Atletica: sei azzurri nel match Europa-USA. In gara anche Tortu e Davide Re

I primatisti italiani Filippo Tortu (100) e Davide Re (400) scenderanno in pista nella prima giornata del Match Europa-Usa di Minsk, lunedì 9 settembre. Altri quattro azzurri entreranno in azione nel day 2, il giorno dopo, martedì 10 settembre: Fausto Desalu nei 200, Yeman Crippa nei 3000, Luminosa Bogliolo nei 100hs e Ayomide Folorunso nei 400hs. I sei italiani che vestiranno la maglia del vecchio continente sono pronti alla sfida tra potenze mondiali, in quello che per molti è da considerarsi l’ultimo gradino prima dei Mondiali di Doha (27 settembre-6 ottobre).

TORTU, C’È RODGERS – Filippo Tortu torna sulla scena internazionale dopo il 10.21, con vento contrario, che a Rovereto ha certificato il recupero del recordman dei 100 metri dopo due mesi di digiuno dalle competizioni: “Dopo Rovereto abbiamo lavorato tanto, e bene, naturalmente con l’obiettivo di Doha, vedendo Minsk soprattutto come una tappa di passaggio – le parole del 21enne delle Fiamme Gialle – È bello aver ricevuto la proposta di partecipare, penso che sia una manifestazione interessante e ho molta voglia di gareggiare. Mi piacerebbe molto battere lo statunitense Mike Rodgers, e vincere la gara. Purtroppo non c’è Marcell Jacobs, ma l’importante è che stia bene e che possa recuperare al meglio per i Mondiali. Cosa mi aspetto? A Rovereto mi è piaciuto il finale, ma non mi ha sorpreso perché è il mio punto di forza da anni: invece nella partenza, in cui spesso ho avuto problemi, ho notato passi in avanti. Ora a Minsk voglio vedermi più veloce”. La risposta lunedì pomeriggio alle 18.30 ora italiana (le 19.30 in Bielorussia).

RE SENZA PAURA – Dopo la prestigiosa doppia vittoria degli Europei a squadre di Bydgoszcz (400 e staffetta 4×400), la stagione di Davide Re (Fiamme Gialle) prosegue allo stadio Dinamo lunedì alle 19.58, con i Mondiali come chiodo fisso: “Quella di Minsk sarà un’ottima competizione in un contesto internazionale, per fare il punto della situazione e simulare i turni sperando di correre anche la staffetta mista – il commento del primo azzurro sotto i 45 secondi, 44.77 a La Chaux-de-Fonds – Ho voglia di confrontarmi con le sensazioni che provo in allenamento, ma anche e soprattutto con gli altri quattrocentisti europei che, come me, staranno preparando i Mondiali. Gli americani hanno deciso di non mandare chi gareggerà a Doha, questo significa che invece Cherry, London, Richard e Strother, i quattro che incontrerò a Minsk, potrebbero aver finalizzato al meglio questo appuntamento. In ogni caso sono sicuro di poter dire la mia e ben figurare”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Rita Caridi (34669 Articles)
Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015


FotoGallery