Arresto capi ultras Juventus, il procuratore aggiunto di Torino: “la società ha avuto il coraggio di denunciare”

Nicolò Campo/LaPresse Nicolò Campo/LaPresse LaPresse/Nicolò Campo Nicolò Campo/LaPresse Nicolò Campo/LaPresse LaPresse/Nicolò Campo

Il procuratore aggiunto di Torino ha parlato in conferenza stampa sugli arresti dei dodici capi ultras avvenuti questa mattina

La notizia di questa mattina dell’arresto dei dodici capi ultras della Juventus ha sconvolto il calcio italiano, accendendo i riflettori sulla situazione che coinvolge la società bianconera.

Nicolò Campo/LaPresse

Le accuse sono pesantissime e riguardano associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. In tarda mattinata è intervenuta in conferenza stampa il procuratore aggiunto di Torino Patrizia Caputo, che ha elogiato la Juventus per il proprio comportamento: “abbiamo trovato le prove che molte cose erano ottenute con la violenza, altrimenti la ritorsione contro la società erano i cori razzisti, con conseguente squalifica del campo e multe salate. E’ stata importante la collaborazione della società che ha avuto il coraggio di denunciare. Ma la parte lesa sono anche i tifosi, vittime di intimidazioni, costretti a non andare più allo stadio perché non riescono più a sopportare le angherie, il clima, gli slogan razzisti”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Ernesto Branca (30266 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery