Formula 1 – La vita spericolata di Kimi Raikkonen: “16 giorni ubriaco tra Bahrain e Barcellona! E quando fumavo alla Lotus…”

photo4/Lapresse

Sedici giorni da ubriaco nel 2013 tra Bahrain e Barcellona e quelle sigarette durante il periodo in Lotus: Kimi Raikkonen e la sua ‘vita spericolata’ raccontata nella propria autobiografia

Kimi Raikkonen è un gran personaggio. Nonostante non sia molto incline alle ‘relazioni umane’, l’ex ferrarista è molto amato dai fan, anche a causa del suo carattere che gli è valso il soprannome di ‘Iceman‘, freddo e schietto, ma che risulta, per certi versi, anche divertente in alcune situazioni. Sempre lontano da gossip e riflettori, Kimi ha deciso di raccontare alcuni episodi della sua vita privata in un libro autobiografico che è subito andato a ruba. Un capitolo in particolare ha destato scalpore: “sedici giorni“, una serie di paragrafi nella quale il nativo di Espoo ha raccontato i suoi momenti da ubriaco passati tra Bahrain e Barcellona nel 2013.

photo4/Lapresse

Intervistato da Motorsport, Raikkonen ha parlato del suo rapporto con il bere e il fumare durante la propria carriera: “come ho fatto a ricordarmi i 16 giorni da ubriaco? Non ci sono riuscito infatti. In gran parte me lo hanno dovuto ricordare gli altri. Abbiamo fatto il giro dell’Europa e ci siamo divertiti, non era la prima volta e per noi era normale. Ma non c’è niente di sbagliato in questa cosa. Dov’è la storia da non raccontare? Non c’è nulla di male. Era quasi normale e succedeva spesso. Il capitolo del libro non racconta l’unica volta in cui ho fatto una cosa del genere, mi divertiva.

kimi raikkonen

Marco Alpozzi/LaPresse

Se fumavo nelle riunioni della Lotus? Non so se fosse veramente nelle riunioni. Non direi proprio alle riunioni, non ne sono sicuro, forse. Fumavo quando ero più giovane, ora non fumo da molto tempo. Non ricordo nemmeno quando ho fumato per l’ultima volta. Credo che anche nel libro ci sia scritto che fumavo ma poi ho smesso. Tornando alla domanda di prima, non ne sono sicuro, ma non credo che fumassi nelle riunione. Sicuramente nel motorhome e sulla terrazza… con il capo!

raikkonen

LaPresse

Bere e fumare probabilmente hanno reso il mio modo di vivere anche migliore. Se sei un tipo a cui piace leggere libri, devi leggere. Devi fare qualsiasi cosa che ti faccia stare bene, l’importante è che tu sappia cosa è meglio per te. Se ti fanno fare cose che fa qualsiasi altro pilota, allora non andrà bene. Devi sapere qual è la cosa giusta per te, ognuno ha il proprio metodo e questa è la cosa più importante. Non importa poi quale sia. Sono sicuro che ognuno vive la propria vita in maniera diversa. Penso che più cresci e più conosci te stesso scoprendo cosa ti fa bene e cosa no. E poi deve essere divertente. Se qualcuno ti dice tutto il tempo di fare qualcosa che non ti diverte, a lungo andare non andrai bene“.

Ora Raikkonen si è dato una regolata. Il pilota dell’Alfa Romeo si è sposato ed ha due figli, dunque ha deciso di adottare uno stile di vita più regolare: “ovviamente, ora ci sono altre priorità. All’epoca avevo il lavoro ma se volevo andare da qualche parte, ci andavo senza problemi perché non dovevo chiedere a nessuno. Ero grande abbastanza da sapere cosa volessi. Ma quando hai una famiglia le cose cambiano. Voglio stare con i miei bambini, sono lontano da casa per molto e mi piace trascorrere del tempo con la mia famiglia. A volte esco da solo con mia moglie, ma è una cosa completamente diversa. Diventiamo tutti vecchi, no? Dopo 16 giorni consecutivi da ubriaco non mi sentirei bene come una volta. Ci sono tante altre cose nella vita che ora per me sono importanti. Questo non vuol dire non uscire più, lo faccio ovviamente! Ma il tempo trascorso con i bambini e la famiglia ha la priorità“.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE: 

>> Per iOS

>> Per Android 

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (17828 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery