(AdnKronos) – “Il pallino è in mano al governo, l’unico che può decidere di invertire la tendenza degli ultimi dieci anni, un lungo periodo in cui – non potendo vessare altre categorie più in crisi della nostra ‘ le legislature che si sono susseguite hanno pensato di tosare le nostre aziende. Lo hanno fatto anno dopo anno. Con questi risultati”, auspica il presidente di Federalberghi Veneto.
“Un calo della pressione fiscale comporterebbe, fra i tanti benefici, anche un calo dei prezzi nelle nostre strutture alberghiere, e sarebbe il più auspicabile punto di partenza per cercare di rimettere la barra dritta”, conclude.