(AdnKronos) – “Si legge, nella relazione conclusiva della commissione ‘Moro 2’ approvata dal Parlamento, che -sottolineano ancora Mollicone e Frassinetti- ‘una delle principali acquisizioni è giunta dagli approfondimenti sulla dimensione mediterranea della vicenda Moro, con particolare riferimento agli accordi politici e di intelligence che fondavano la politica italiana, in particolare nei riguardi del Medio Oriente, della Libia e della questione israelo-palestinese. Gli approfondimenti sul ruolo dei movimenti palestinesi e del centro Sismi di Beirut hanno consentito di gettare nuova luce sulla vicenda delle trattative per una liberazione di Moro e sul tema dei canali di comunicazione con i brigatisti, ma anche di cogliere i condizionamenti che poterono derivare dalla collocazione internazionale del nostro Paese e dal suo essere crocevia di traffici di armi con il Medio Oriente, spesso tollerati per ragioni geopolitiche e di sicurezza nazionale'”.
“La proposta di legge per l’istituzione di una commissione bicamerale di inchiesta è sostenuta dai principali gruppi parlamentari, compresi Lega e M5S. Sarà uno strumento terzo, che permetterà di acquisire tutti i documenti chiedendone la desecretazione ai Servizi segreti, al fine di ristabilire la verità storica e giudiziaria, in onore delle vittime della strage di Bologna, di Ustica e degli altri tragici fatti che hanno colpito la nostra Nazione”.
“Rinnoviamo l’appello al presidente Fico -concludono Mollicone e Frassinetti- a rendere disponibili gli atti delle commissioni d’inchiesta contenuti negli archivi, vincolati da una procedura bizantina e assolutamente impropria e inventata dalla sinistra per garantire l’inaccessibilitá a documenti sensibili per la definizione dell’esatta veritá storica sulle stragi e sul terrorismo brigatista nel contesto internazionale”.