Palermo, 8 ago. (AdnKronos) – Formare dipendenti pubblici per l’assistenza di base e di urgenza alle popolazioni colpite da catastrofi. E’ questo l’obiettivo dell’accordo, primo in Italia, firmato oggi a Palermo tra l’Ordine dei medici del capoluogo siciliano e la Regione. La Regione si occuperà di potenziare e garantire l’efficienza e la qualità dei servizi erogati, rafforzando la capacità istituzionale di tutti i soggetti pubblici locali che operano, con ruoli e funzioni diverse, nei servizi di Protezione civile, sociali e del lavoro.
L’Omceo invece dovrà implementare le conoscenze professionali del personale che lavora nell’ambito della Regione siciliana nei servizi di emergenza-urgenza. A sottoscrivere l’accordo sono stati l’assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla e il presidente dell’Ordine Toti Amato. Una collaborazione pensata “per estendere competenze, qualità ed efficacia delle risposte di Protezione civile a tutti i soggetti impegnati nella risposta del territorio in situazioni di emergenza” ha precisato Lagalla.