Palermo, 6 ago. (AdnKronos) – “I gestori dei lidi balneari subiscono controlli e multe in seguito ad un’ordinanza realizzata frettolosamente che danneggia una categoria da sempre attenta alla tutela dell’ambiente”. Così il presidente di Fiba Confesercenti Alessandro Cilano commenta le sanzioni scattate negli stabilimenti balneari all’Addaura, Mondello e Sferracavallo per omessa raccolta differenziata e violazione dell’ordinanza ‘Plastic free’.
“Le regole non possono essere limitate soltanto ai lidi – sottolinea – ma devono essere estese a tutte le attività che ricadono nelle zone turistico-balneari se si vogliono davvero salvaguardare l’ambiente e la salute pubblica. E’ inoltre necessario educare anche gli utenti, ma non sono mai stati forniti i bidoni per la differenziata da collocare sulla spiaggia e ciò entra fortemente in contrasto con l’ordinanza che colpisce i gestori”.
“Ci auguriamo ancora una volta – aggiunge Francesca Costa, presidente di Confesercenti Palermo – che i controlli vengano estesi a tutte le attività nelle zone limitrofe ai litorali, sia su aree demaniali che su strada, e agli abusivi di cui si registra una presenza sempre più massiccia. Alla base del decoro e della tutela dell’ambiente deve esserci infatti il lavoro della collettività, non quello di una sola categoria”.