LaPresse/Reuters

Gregg Popovich scherza sul ruolo di vice allenatore proposto a Tim Duncan: nessuna competenza, ma 19 anni di riconoscenza lo hanno reso il ‘candidato ideale’

Tim Duncan non conosce assolutamente nulla di come si svolge un allenamento. Non so nemmeno perché l’ho assunto. Mi ha dato uno stipendio per 19 anni, quindi sono stato obbligato a rimborsarlo in questo modo”, firmato Gregg Popovich. Direttamente dal ritiro del Team USA in vista della preparazione dei Mondiali di Basket 2019, l’allenatore della formazione più quotata per il successo finale scherza sull’arrivo di Tim Duncan come suo vice ai San Antonio Spurs. In effetti, l’ex stella dei texani non sa molto in materia di allenamenti, ma tutto l’ambiente gli è riconoscente per un’intera carriera passata in maglia nero argento.

Simpatica anche l’analisi del vice allenatore del Team USA, nonchè coach dei Golden State Warriors, Steve Kerr che ha piegato: “Tim darà spettacolo a San Antonio. Ha già detto al resto dello staff che lui non potrà essere licenziato ed effettivamente, se ci pensiamo bene, ha ragione lui. Pop non può licenziarlo. Pensiamoci. Tutti gli altri sono sacrificabili, lui invece per 19 anni lo ha aiutato. Tim, quindi, andrà lì e probabilmente non farà nulla. Si siederà sulla panchina e sorseggerà del tè. Darà spettacolo”.