AFP/LaPresse

Valentino Rossi sincero e senza peli sulla lingua dopo il Gp della Repubblica Ceca: da Brno un avvertimento alla Yamaha

Sesto posto per Valentino Rossi oggi a Brno: il Dottore è stato il miglior pilota Yamaha al Gp della Repubblica Ceca, ma le sensazioni non sono ancora troppo positive. Al termine della gara, vinta da un eccezionale Marc Marquez, seguito sul podio da Dovizioso e Miller, Valentino Rossi ha così raccontato le sue sensazioni: “non è che siamo felici per aver fatto un sesto posto, però oggi è andata un pochino meglio rispetto alle ultime gare perché abbiamo modificato un po’ di cose sulla moto e, almeno in entrata e in frenata, ero abbastanza veloce. Però quelli che sono arrivati davanti sono andati più forte, quindi dobbiamo lavorare molto perché ci mancano un po’ di cose. Domani ci sarà un test e dovremmo avere una specifica di motore un po’ diversa, quindi speriamo di riuscire a migliorare“.

valentino rossi
AFP/LaPresse

Il problema è che facciamo molta fatica a superare perché nel dritto andiamo piano, quindi arriviamo troppo lontani in staccata. E’ lo stesso guaio che ha avuto anche Maverick. Io ho fatto sesto, ma oggi c’era molta differenza: quelli davanti andavano di più e avevano più passo, quindi sicuramente bisogna lavorare. C’è un lavoro da fare abbastanza grande, perché le altre moto vanno un po’ più forte, ma sono anche un po’ più facili da guidare a livello di motore. Vediamo domani e speriamo di riuscire ad andare un pochino meglio. E’ solo un primo step, una modifica, ma se riusciamo ad andare un pochino meglio non è male“, ha aggiunto il Dottore.

AFP/LaPresse

Ci sono anche un po’ di cose per il 2019, soprattutto di elettronica. Il problema è che questo motore ce lo dobbiamo tenere per tutta la stagione, perché è sigillato fino alla fine dell’anno. Poi bisognerà fare un buon lavoro in vista dell’anno prossimo. L’anno scorso ai test di Brno c’era un parafanghino, domani un motore nuovo, quindi siamo già migliorati. Ma la Yamaha deve capire che deve lavorare seriamente se vuole chiudere il gap“, ha concluso il nove volte campione del mondo.