maverick vinales
AFP/LaPresse

Il pilota spagnolo ha commentato le novità portate a Brno dalla Yamaha per i test, preferendo però concentrarsi sul prossimo Gran Premio in Austria

Tante novità ma sensazioni contrastanti in casa Yamaha dopo la giornata di test a Brno, Maverick Viñales e Valentino Rossi hanno portato in pista una M1 rivoluzionata, fornendo però feedback non particolarmente esaltanti.

AFP/LaPeresse

Lo spagnolo in particolare ha preferito concentrarsi sulla moto 2019, considerando l’imminente impegno in Austria: “è stata una giornata importante per provare a migliorare in vista dell’Austria. Ho provato la moto nuova, ma non ho completato molti giri, perché ho preferito concentrarmi sul prossimo gran premio. Ci saranno altri test in cui potremo provare la moto del 2020, Misano per esempio. Non so dire se la nuova moto sta andando nella giusta direzione. L’abbiamo provata quando in pista c’era molto grip e normalmente la nostra moto va abbastanza bene in queste condizioni. Dovremmo provarla quando non c’è grip, credo che Misano sarà una buona pista in questo senso. Farà caldo, l’asfalto sarà scivoloso e avremo un riscontro più realistico, dunque ci toccherà aspettare qualche settimana”.

maverick vinales
Alessandro La Rocca /LaPresse

Sensazioni positive per quanto riguarda la nuova sella: “è più stretta, credo che per me sia più maneggevole, quindi sarà più facile muovere la moto e potrò essere più veloce. Solo che non sarà una grande differenza, a dirla tutta. È già più stretta rispetto all’inizio dello scorso anno, quindi è comunque abbastanza simile. Stamattina con poco grip ho lavorato molto sui freni e sulle sospensioni anteriori. Mi sono sentito meglio in frenata, ma c’è da dire che la pista austriaca è differente, quindi per vedere i miglioramenti dovremo aspettare di arrivare lì. Qui c’è stato un passo avanti sulle sospensioni, ma vedremo in Austria. A Spielberg è importante l’accelerazione, ma non abbiamo molte novità in questo senso. Quindi dobbiamo lavorare con quello che abbiamo e fare il meglio. Credo che sappiamo di dover soffrire in accelerazione, in tre anni non abbiamo migliorato molto il posteriore, quindi oggi ci siamo concentrati sull’anteriore per migliorare il mio feeling”.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE: 

>> Per iOS

>> Per Android