AFP/LaPresse

Il pilota ternano ha parlato della giornata di libere in Austria, soffermandosi sulle cose da migliorare in vista di qualifica e gara

Primi problemi per la Ducati sul circuito di Spielberg, sede del Gran Premio d’Austria in programma domenica. Danilo Petrucci ha chiuso la giornata in ottava posizione con il crono di 1:24.330 ottenuto nella FP2, un risultato non proprio esaltante considerando i problemi avuti in rettilineo.

danilo petrucci
Alessandro La Rocca /LaPresse

Intervistato al sito ufficiale della Ducati, il ternano ha ammesso: “nel pomeriggio siamo riusciti a migliorare la nostra prestazione del mattino e quindi sono soddisfatto, anche perché questa è una pista un po’ ostica per me perché come a Brno sui lunghi rettilinei perdo un po’ di aerodinamica. Stiamo quindi cercando di migliorarci in frenata, dove possiamo recuperare un po’ del tempo che perdiamo sul dritto. La mia squadra sta lavorando bene e sono contento di come ho girato con le gomme usate. Naturalmente domani dovremo cercare di fare un po’ meglio e sfruttare anche le gomme nuove per cercare di partire davanti domenica in gara. Marquez? Beh, diciamo che non c’è più un posto dove Marc sia innocuo e poi se l’anno scorso era svantaggiato a livello di motore, si è comunque giocato la gara in volata. Oggi abbiamo visto che va forte anche Nakagami oltre a Crutchlow. È un po’ che lo andiamo ripetendo: non abbiamo più un vantaggio di motore, ma dobbiamo sfruttare altre caratteristiche della moto come la staccata“.