crutchlow
AFP PHOTO / Juan MABROMATA

Il pilota inglese ha commentato il possibile ritorno di Lorenzo alla Ducati, esprimendo il proprio punto di vista

Nel paddock di MotoGp non si fa che parlare del possibile ritorno di Jorge Lorenzo alla Ducati, ma non al team ufficiale, bensì alla Pramac guidata dal GM Paolo Campinoti.

jorge lorenzo
Alessandro La Rocca /LaPresse

Una indiscrezioni che ieri ha condizionato anche la conferenza stampa della vigilia, essendo stato uno dei temi trattati dai piloti presenti. A Cal Crutchlow è stata paventata addirittura la possibilità di prendere il posto dello spagnolo in HRC, una suggestione a cui l’inglese ha reagito ironicamente: “dove vi sognate queste cose? Sembra un episodio di una soap opera. In Inghilterra c’è una soap opera che si chiama gli Stenders, sembra un episodio di quella soap opera. No, scherzi a parte non ne ho idea onestamente. Quando Lorenzo aveva firmato, avevo detto che sarebbe stato difficile per lui guidare la Honda e penso di aver avuto ragione. Probabilmente è stata anche una affermazione egoista: io sono un pilota e non lo volevo come avversario in Ducati. Quando era alla Ducati è stato più forte di me, almeno per una parte dell’anno. Nel momento in cui ha firmato per Honda andava più veloce di me e io ho pensato che con la Honda avrebbe sofferto di più ed io gli sarei stato davanti. In effetti è andata così, questa è stata la realtà, quindi avevo ragione ad essere contento”.