lin jarvis
Alessandro La Rocca/LaPresse

Il direttore della Yamaha ha parlato del crollo verticale avuto dal team nel corso degli ultimi anni, esprimendo il proprio punto di vista

Il crollo della Yamaha è coinciso con l’addio di Jorge Lorenzo, con il numero di vittorie drasticamente ridotto dal passaggio del maiorchino alla Ducati. Un addio traumatico, che ha scosso senza dubbio il team di Iwata, ripartito con Maverick Viñales al fianco di Valentino Rossi. 

LaPresse/EFE

Sono stati solo sei i successi ottenuti in questo lasso di tempo, risultati negativi che però secondo Lin Jarvis non sono dovuti all’addio di Lorenzo: “diciamo che abbiamo perso il cammino quando è partito Lorenzo, ma non perché se ne sia andato. Quello che ha creato davvero le nostre difficoltà è stata l’introduzione della centralina unica. Il 2016 non è andato male perché gli altri si stavano adattando, ma nel 2017 siamo crollati e non ci siamo ripresi. L’impatto dell’ingresso della ECU, ed in particolare del software unico, è stato maggiore di quello causato dalla partenza di Jorge. Abbiamo sottovalutato l’effetto che avrebbe avuto questo cambiamento ed è questo che ci ha colpiti per davvero“.