MotoGp – Dovizioso guarda il bicchiere mezzo pieno tra analisi e pronostici: “le Yamaha sono andate forte, ma il loro passo è strano”

L’analisi di Dovizioso dopo il settimo posto nelle qualifiche di Silverstone: le parole del forlivese della Ducati

Marc Marquez ha conquistato una nuova pole position oggi sul circuito di Silverstone, lasciandosi alle spalle Valentino Rossi e Jack Miller. Settimo posto invece per Andrea Dovizioso, che domani partirà dalla terza fila al Gp della Gran Bretagna.

dovizioso
Alessandro La Rocca /LaPresse

Partito dalla Q1, il forlivese della Ducati ha piano piano ritrovato feeling in pista: “non male, fortunatamente siamo riusciti a riacquistare feeling nel turno quattro, abbiamo provato la dura per la prima volta, ci siamo messi a posto nel mio modo di guidare, Marc ha qualcosa di più in confronto a tutti, poi siamo altri 5 che abbiamo un passo molto molto simile, però non lo so come potrà essere la gara, tutte le Yamaha e Suzuki saranno veloci soprattutto ai inizio gara, ma non so come potrà andare poi nella gara, è una gara dura anche fisicamente, sono contento, siamo riusciti a fare una buona qualifica, un bel tempo, peccato, per poco potevamo essere in seconda fila, settimi, spero e non credo che ci condizionerà la gara“, ha dichiarato ai microfoni Sky Dovizioso.

Costanza Benvenuti – LaPresse

Il problema al motore? Possono essere tante cose, bisogna studiare per capire, a volte sono piccoli problemini a volte più grossi ma ancora non lo so. Per quanto riguarda le gomme invece quando cambia la temperatura il lavoro delle gomme cambia tanto, oggi pomeriggio c’era più caldo come dovrebbe essere domani, la maggior parte dei piloti sceglierà la dura,anche perchè domani forse è ancora più caldo“, ha aggiunto il ducatista.

Costanza Benvenuti – LaPresse

Le Yamaha sono andate forte ma è un po’ strano da vedere il passo, le vedo un po’ diverse, Rins è andato particolarmente forte nel turno 4 e quando va forte nei turni così ne ha ancora di più in gara, quindi lo inserisco nella lotta per il podio. Secondo me non ci sono le buche degli altri anni ed è ridiventata una pista normale, quindi tornano competitive Yamaha e Suzuki perchè diventa una pista di percorrenza, noi abbiamo le nostre caratteristiche ed in certi unti della pista funzionano e anche Marc ha un modo ancora più diverso di guidare, ma in questa pista è così e questo permette di essere veloci a più piloti ed in modo diverso“, ha concluso.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE: 

>> Per iOS

>> Per Android