Milano, 2 ago. (AdnKronos) – La bambina di 10 anni di Vimercate, in provincia di Monza e Brianza, ricoverata per un presunto uso di cocaina “non è stata mai abituale consumatrice di sostanze stupefacenti né tanto meno di sostanze come la cocaina. Si sottolinea che è assolutamente fuori luogo, proprio per questo, identificarla come ‘cocainomane'”. Lo comunica l’Asst di Vimercate in una nota.
“Si conferma che la bambina ha assunto sostanze di tipo ansiolitico probabilmente come conseguenza di un disagio psichico profondo. Si precisa, tuttavia, che allo stato non si possa né confermare né smentire che la piccola paziente possa aver fatto uso, seppur sporadico, di altre sostanze. Questo potrebbe aver ingenerato interpretazioni diverse o incomprensioni”, si spiega.
Infine dall’Asst di Vimercate si ribadisce che “l’intervento mediatico del nostro dipartimento Salute mentale ha avuto esclusivamente la finalità di evidenziare un diffuso disagio giovanile sempre più drammaticamente precoce”.