Roma, 10 ago. (AdnKronos) – ‘L’ebbrezza del potere e dei sondaggi gioca brutti scherzi ai tre sottosegretari della Lega, Molteni, Candiani e Morrone. Vogliono pieni poteri anche sul Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà, una autorità indipendente che deve essere lasciata libera di agire. Solidarietà al garante Mauro Palma, già a febbraio oggetto di insulti e minacce sul web”. Lo afferma Giuseppe Brescia, del Movimento 5 stelle, presidente della commissione Affari costituzionali della Camera.
“Quanto allo stipendio del Garante, il dato -aggiunge- è già a disposizione di tutti sul sito dell’autorità. Se tre sottosegretari non sanno visitare un sito, possono almeno conoscere la legge. Lo stipendio è fissato da una norma del 2013 e prevede per il presidente un’indennità inferiore alla metà di quella prevista per i parlamentari”.