Palermo, 5 ago. (AdnKronos) – “Dopo 30 anni quel duplice omicidio resta impunito, quasi a conferma delle trame oscure che lo hanno determinato e degli indicibili legami tra mafia e pezzi dello Stato che, con tutta probabilità, lo hanno causato. La città di Palermo è ancora oggi vicina a Vincenzo nella sua battaglia per la verità e la giustizia, che è una battaglia di tutti noi, perché quella impunità è una macchia nella storia d’Italia e delle sue Istituzioni democratiche”. Così il sindaco di Palermo Leoluca Orlando nel giorno del trentesimo anniversario dell’uccisione dell’agente di polizia Nino Agostino e di sua moglie Ida Castellucci, avvenuto a Villagrazia di Carini il 5 agosto 1985.