danilo petrucci
Alessandro La Rocca/LaPresse

Danilo Petrucci, la prima giornata di prove a Brno e quel commovente pensiero per Luca Semprini: le parole del ternano Ducati al termine delle Fp2 del Gp della Repubblica Ceca

Prima giornata complicata in pista per Danilo Petrucci: il ternano della Ducati ha chiuso le Fp2 al decimo posto a Brno a causa di una serie di difficoltà che gli impediscono di guidare come vorrebbe. Petrucci si è però detto fiducioso di poter migliorare e risolvere i suoi problemi: “è stato un po’ complicato, soprattutto partire con le dure, non eravamo velocissimi, quest’anno a Brno non c’è molto grip e soprattutto  c’è un degrado molto grado delle gomme, quindi bisognerà gestirle in gara, non riesco ad essere velocissimo, sono un po’ in difficoltà a fermare la moto, o freno forte o faccio la curva forte, è un po’ la classica coperta corta, ma secondo me c’è margine, posso vedere dove migliorare, sappiamo cosa fare, abbiamo capito a direzione, speriamo che il tempo domani regga“, ha affermato ai microfoni Sky al termine delle prove.

danilo petrucci
AFP/LaPresse

Petrucci ha poi commentato la carena nuova testata questa mattina durante le Fp1: “è un passo in avanti, infatti credo che la useremo domani, abbiamo voluto fare un altro compair pomeriggio, è un passo avanti, mi ha aiutato stamattina nei punti dove soffriamo un po’ e sono contento che abbiamo trovato qualcosa in questo periodo di stop“.

danilo petrucci
Alessandro La Rocca/LaPresse

Infine non poteva mancare un commento sulla tragica scomparsa di Luca Semprini, suo addetto stampa: “Luca era una vecchia conoscenza del paddock, l’ho conosciuto quando sono arrivato in MotoGp, era un giornalista dei siti internet, faceva parte della famiglia Ducati e quest’anno sono stato affidato a lui per la stampa, era un carissimo ragazzo, era bello parlarci  non di moto, era esperto di tutto, è stato veramente uno shock ieri, un fulmine e ciel sereno, è stato bruttissimo, sono contento che ci sia stato nella prima parte di stagione. Al Mugello lui è stato il primo che ho abbracciato al parco chiuso, mi piace riguardarlo con quell’espressione“.