Roma, 8 ago. (AdnKronos) – “Anche se Di Maio affiderà alla Piattaforma Rousseau qualche finto voto su Toninulla e rimpasto (la poltrona non la vogliono mollare altrimenti avrebbero potuto votare contro la fiducia al Sicurezza bis) la crisi di questa ridicola e incompatibile maggioranza è la prova che non si governa sul precipizio di un compromesso al ribasso: la decrescita pentastellata è incompatibile con l’Italia oltre che con la Tav. “¬ Vogliamo le elezioni non un Conte (chi?)-bis… com’era l’ultimatum ‘mi dimetto se litigate’. “¬ Senza un premier, senza una linea politica, senza un programma credibile dove volete ancora andare?”¬”. Così su Facebook Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce unico dei Gruppi di Camera e Senato.