mattia binotto f1 gp cina
photo4/Lapresse

Il Gp di Spagna è pronto a rientrare in calendario a partire dal 2020, il team principal Binotto però pone l’attenzione su un aspetto particolare

Il calendario 2020 di Formula 1 dovrebbe salire a 22 Gran Premi, considerando l’ufficiosità del ritorno della Spagna, pronta a siglare l’accordo con Liberty Media.

mattia binotto f1 gp cina
photo4/Lapresse

Una notizia accolta con favore da parte dei team principal presenti nella conferenza stampa di Budapest, a patto che questo incremento di appuntamenti non comporti costi extra per le squadre. Sulla questione si è soffermato Mattia Binotto, che ha lanciato un preciso allarme: “stiamo supportando l’idea di introdurre una 22ª gara nel calendario se ciò significa un aumento delle entrate, ma dobbiamo stare attenti che non si inneschino anche dei costi extra. Penso che se guardiamo al 2021, stiamo discutendo di un calendario che potrà comprendere 24 gare, ma senza fare ricorso a motori extra. Penso che quello del prossimo anno sia solo un percorso di avvicinamento al 2021, per cui aumentare il numero dei motori sarebbe semplicemente sbagliato perché avere più motori significherebbe aumentare i costi, mentre nel 2021 torneremmo ad avere solo tre unità per pilota“.