AFP/LaPresse

Interrogato sul futuro di Mick Schumacher, il team principal della Prema non ha nascosto che a fine stagione si discuterà del passaggio del tedesco in Formula 1

La prima vittoria in Formula 2 è finalmente arrivata, Mick Schumacher ha rotto il ghiaccio in Gara-2 a Budapest, dominando dall’inizio alla fine la corsa e tagliando il traguardo davanti a Matsushita e Sette Camara.

AFP/LaPresse

Una prova di forza non indifferente, che ha esaltato anche René Rosin, il team principal della Prema: “la vittoria gli servirà ad avere più fiducia e un po’ ce lo auguriamo, che sia stata una svolta. Fin dalle libere è stato molto convincente. Così come in qualifica, dove ha guidato per la prima volta una F.2 sul bagnato” le parole di Rosin riportate dalla Gazzetta dello Sport. “Poi in Gara-1 le sue gomme si sono degradate un po’ troppo. Ma domenica è stato davvero bravo a gestire la corsa. Mick sta crescendo, questo è il frutto del lavoro di tutto l’anno e i suoi risultati, la sua posizione in classifica non rispecchiano quel che vale. Nel senso che ha fatto qualche errore, così come ne abbiamo commessi noi del team. Sfortuna? Certo, mi viene in mente l’incidente con la Calderon a Montecarlo, o quando, a Baku, con le gomme fredde si è girato. E ancora lo scontro con Gelael al Castellet. Ma Mick non ha fatto scene. Ha parlato con Sean, ‘dobbiamo venirne fuori insieme’, gli ha detto. Per quanto riguarda il passaggio in Formula 1, a fine stagione ci metteremo attorno a un tavolo e vedremo“.