Lapresse

Gara rovinata per Valtteri Bottas alla seconda curva, fatale il contatto con il compagno di squadra Lewis Hamilton

Una gara da dimenticare per Valtteri Bottas quella in Ungheria, chiusa all’ottavo posto dopo un contatto al via con il compagno di squadra Lewis Hamilton, che ha costretto il finlandese ad una sosta ai box.

Lapresse

Una situazione che non è andata giù al driver di Nastola che, nel dopo gara, ha lanciato un avvertimento al britannico: “siamo qui come team e vogliamo massimizzare il risultato, ottenendo più punti possibili senza compromettere questo aspetto. È ovvio che si può gareggiare anche in modo pulito senza costringere l’avversario fuori pista. Io e Lewis ci rispettiamo molto, anche se quanto successo in curva 3 è stato leggermente al limite, lui non mi ha lasciato molto spazio. In curva due avrei potuto fare lo stesso. Saprò come agire, in futuro, in una situazione simile a quella che si è creata in curva 2, chiaramente rimanendo nei limiti del rispetto reciproco. Abbiamo provato a monitorare la situazione capendo come sarebbe stato il passo con l’ala danneggiata. Ci siamo resi conto che era molto lento, così siamo rientrati per cambiarla. Quelli davanti erano andati e a quel punto dovevo preoccuparmi principalmente di chi mi stava dietro”.

photo4/Lapresse

Per quanto riguarda la lotta per il titolo mondiale, Bottas ha ammesso: “dal punto di vista delle performance è la mia migliore stagione, in qualifica le cose vanno molto bene ed in gara stiamo migliorando. Oggi non sappiamo quello che sarebbe potuto essere il mio passo. Tra gli aspetti negativi posso ricordare alcune occasioni perse per errori del team e errori miei”.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE: 

>> Per iOS

>> Per Android