©PANORAMIC/LAPRESSE

Emmauel Petit svela dettagli piccanti e proposte indecenti che gli sono arrivate durante la sua carriera da calciatore: l’ex centrocampista francese era un vero e proprio sex symbol

Emmanuel Petit è il prototipo del playboy sportivo. Una carriera da calciatore famoso, che ha toccato la vetta più alta con il gol in finale Mondiale nel 1998; fama e soldi; ed anche un discreto fascino, che non fa mai male. Un mix di caratteristiche ha fatto perdere la testa a molte donne, specialmente dopo la suddetta finale del Mondiale che lo consacrò come idolo e sex symbol.

Intervistato dal Mundo Deportivo, l’ex centrocampista francese ha rivelato alcuni dettagli piccanti riguardanti delle proposte sessuali che gli vennero fatte da donne e uomini durante la sua carriera da calciatore: “ero fuori da un ristorante in attesa di un taxi, quando all’improvviso una coppia mi si è avvicinata e l’uomo ha fatto una proposta indecente: voleva che facessi delle cose con sua moglie davanti a lui. Ho detto: ‘ascolta, non ho questo desiderio’. L’ho ringraziato per l’offerta e sono andato via. Non ricordo quante volte le donne, anche quelle sposate, vennero a trovarmi, anche quando erano con i loro mariti. Mi hanno dato i loro numeri di telefono e ho sempre avuto problemi con le donne, anche prima della Coppa del Mondo, ma dopo il 1998 tutto è peggiorato. Ma non mi lamento, mi è piaciuto“.

SCARICA L’APP DI SPORTFAIR PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE:

>> Per iOS

>> Per Android