ph. Mimmo Perna

Grandi soddisfazioni per l’ItalRemo ai Mondiali di Linz, considerando i pass olimpici staccati dagli equipaggi italiani

L’Italia del canottaggio entra nella storia del remo femminile qualificando tre barche: il due senza senior femminile (Kiri Tontodonati e Aisha Rocek), il doppio pesi leggeri femminile (Valentina Rodini e Federica Cesarini) e, dopo 35 anni – dalle Olimpiadi di Los Angeles 1984 (allora c’era anche il timoniere a bordo), anche il quattro di coppia femminile (Ludovica Serafini, Silvia Terrazzi, Clara Guerra e Chiara Ondoli).

Al fianco degli equipaggi femminili l’Italia ha già qualificato per Tokyo 2020 anche il quattro senza, il due senza e il quattro di coppia senior maschile e il doppio pesi leggeri maschile portando a 20 le carte olimpiche per i Giochi di Tokyo 2020. A queste sette barche si aggiunge anche il quattro con PR3 misto, con cinque pass, con il quale l’Italremo torna, ad oggi, da Linz-Ottensheim con 25 carte olimpiche e paralimpiche. Domani altre due chance di qualifica con il singolo senior maschile e il doppio senior femminile. Nel pomeriggio le finali per le medaglie nelle barche olimpiche.