Atletica, spettacolo nella dodicesima tappa della Diamond League: Lyles domina i 200 metri in 19.65

AFP/LaPresse

Noah Lyles vince i 200 metri in 19.65 (0.2) togliendo il primato del meeting a Usain Bolt, anche Will Claye e Christian Taylor danno spettacolo nel triplo

Nella dodicesima tappa della IAAF Diamond League allo stadio Stadio Charlety di Parigi, brilla ancora la stella dello sprinter statunitense Noah Lyles, che vince i 200 metri in 19.65 (0.2) togliendo il primato del meeting a Usain Bolt. Anche Will Claye e Christian Taylor danno spettacolo, nel triplo, superando entrambi il limite del meeting del britannico recordman mondiale Edwards, con Claye che si impone con 18,06 (0.4) sull’avversario di sempre Taylor (17,82/0.2).

Sulla pedana femminile, ancora un over-15 per la venezuelana Yulimar Rojas con 15,05 (-0.7). Ancora due record del meeting, firmati da due campioni del mondo in carica, i 6,00 nell’asta maschile di Sam Kendricks e il 22,44 nel peso del neozelandese Tomas Walsh, nell’unica gara della storia con otto atleti oltre i 21 metri. Tra i numerosi highlights della serata di Parigi, i 400hs vinti dal primatista europeo e iridato Karsten Warholm, che in 47.26 ottiene la seconda prestazione europea di sempre, il gran 1500 uomini con successo dell’ugandese Ronald Musagala (3:30.58), i 3000 siepi uomini con Conseslus Kipruto al rientro (quarto) con successo del vicecampione del mondo Soufiane El Bakkali in 8:06.64. Serata da ricordare per gli atleti canadesi, che vincono quattro gare: l’asta donne con Alysha Newman 4,82 (record nazionale), l’alto uomini con Michael Mason (2,28), gli 800 uomini con Brandon McBride (1:43.78) e in chiusura la 4×100 uomini in 38.26 (primato del meeting).

Sprint di gran fattura: i 100 donne vanno alla giamaicana oro di Rio Elaine Thompson in 10.98 (-0.2) e i 110hs al campione statunitense Daniel Roberts in 13.08 (0.8), con rientro sfortunato di Shubenkov. Nelle altre gare, successi della statunitense Hanna Green sugli 800 in 1:58.39, della cubana Denia Caballero nel disco (66,91) e della giamaicana Stephenie Ann McPherson sui 400 (51.11). La Diamond League è ora pronta per le due finali di Zurigo (29 agosto) e Bruxelles (6 settembre), antipasto prelibato del campionato del mondo di Doha.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Ernesto Branca (29597 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015.


FotoGallery