Von der Leyen eletta presidente Commissione Ue

Strasburgo, 16 lug. (Adnkronos) – è stata eletta presidente della Commissione Europea con soli nove voti in più della maggioranza necessaria.
Von der Leyen, ha informato il presidente del Parlamento europeo , è stata eletta a Strasburgo con 383 voti a favore, su una maggioranza necessaria di 374 voti, con 327 voti contrari, 22 astensioni e una scheda nulla. I votanti sono stati 733.
Se i 14 parlamentari del Movimento Cinque Stelle hanno votato per la Von der Leyen, come avevano annunciato prima del voto, allora il loro sostegno potrebbe essersi rivelato decisivo per la candidata. “Lavoriamo insieme in modo costruttivo per un’Europa unita e forte”, ha commentato la neo-eletta.
“In democrazia la maggioranza è maggioranza. E due settimane non ce l’avevo ancora, quando sono venuta a Bruxelles, perché non mi conoscevano e perché c’era molto risentimento, che comprendo bene, per il processo degli Spitzenkandidaten”. Lo dice la Presidente in conferenza stampa dopo l’elezione a Strasburgo, commentando lo scarto di soli nove voti con cui è stata eletta presidente.
“E’ stato necessario – continua la Von der Leyen – lavorare con i gruppi politici per convincerli. Sono estremamente felice che dopo 13 giorni siamo riusciti a formare una maggioranza pro-europea. Credo che sia una buona base per iniziare. Voglio lavorare costruttivamente con questo Parlamento, perché ci sono grandi compiti nei quali dobbiamo riuscire. Due settimane fa non avrei creduto di arrivare a questo momento in modo così felice”.
Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha commentato l’elezione come “un inizio incoraggiante”. “Ma è solo un inizio – aggiunge in una nota – Apprezziamo le proposte programmatiche della Presidente Von der Leyen in direzione di un’Europa finalmente più solidale, più rispettosa dell’ambiente e più sicura rispetto ai traffici illeciti e alla migrazione illegale”.
“Il percorso della nuova Commissione Europea -continua – in direzione di un’Europa più vicina ai bisogni dei cittadini, più giusta e più democratica avrà successo se potrà contare sull’impegno di tutte le Istituzioni europee e degli Stati Membri”. “Su quello italiano – assicura – potrà certamente contare. Consapevole del suo ruolo come Paese fondatore dell’Unione Europea, l’Italia intende fare la sua parte affinché l’Europa sappia rinnovarsi e torni a mettere i cittadini al centro del suo futuro”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE


FotoGallery