(AdnKronos) – All’interno delle valigie recuperate, i Carabinieri rinvenivano oltre 100 grammi di cocaina pronta per essere tagliata e suddivise in dosi e un coltello, del genere non ammesso dalla legge, con una lama lunga oltre 20 cm, tutto sottoposto in sequestro. Ieri la misura cautelare emesso dall’Autorità giudiziaria di Venezia necessaria per arginare la pericolosità del soggetto e scongiurare un potenziale allontanamento dalle zone da lui abitualmente frequentate, in particolare Spinea e Mestre.
Ed effettivamente aveva trovato rifugio in una camera anonima di un appartamento in un condominio di Spinea, temendo di essere intercettato e scoperto dai Carabinieri. Nella sua camera i militari hanno ritrovato il solito kit: il bilancino di precisione, un coltello a serramanico, i telefonici cellulari cd. ‘dedicati” all’attività di spaccio, la cocaina (circa 8 grammi) e quasi 4.000 euro in contanti, suddivise in banconote di vario taglio, ritenuto provento dell’attività illecita. L’uomo è stato portato nella Casa Circondariale di Santa Maria Maggiore, a Venezia a disposizione dell’Autorità giudiziaria.