Roma, 23 lug. (AdnKronos) – Si rincorrono per tutta la giornata, fuori e dentro il governo, le voci di un possibile passo indietro di Danilo Toninelli alla guida del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Voci che girano anche in ambienti 5 Stelle, dove la permanenza del responsabile del Mit continua ad essere considerata fortemente in bilico.
Fatto sta, che a stretto giro dalle parole del premier Giuseppe Conte sul Tav, quel che trapela è che Toninelli sarebbe deciso a tenere duro: pur confermando la netta contrarietà all’opera, ha apprezzato l’attestato di stima da parte di Conte. Così come viene sottolineato dalle stesse fonti che i 3 miliardi aggiuntivi che si otterrebbero dalla Ue, grazie al lavoro portato avanti dal Mit, cambierebbero il segno dell’analisi costi benefici sull’alta velocità, liberando risorse fresche per altre opere “realmente utili”. (segue)