Roma, 30 lug. (AdnKronos) – ‘Il ministro Salvini si riempie ogni giorno la bocca di sicurezza. Ma quando poi si arriva al dunque e bisogna salvaguardare le condizioni di lavoro di centinaia di migliaia di carabinieri, poliziotti, vigili del fuoco o militari, improvvisamente, la parola sicurezza scompare e rimangono solo gli slogan. Gli appartenenti ai comparti sicurezza, soccorso pubblico e difesa dello Stato aspettano il nuovo contratto di lavoro da 210 giorni”. Lo afferma Emanuele Fiano, membro della presidenza del Gruppo Pd alla Camera.
“Il governo Gentiloni -ricorda- ha rinnovato il contratto triennale nella scorsa legislatura con 102 euro di aumento medio netto a persona. Il governo Conte-Salvini-Di Maio a questa questione non ci pensa nemmeno. Il Partito democratico ha presentato un emendamento proprio al decreto sicurezza bis alla Camera, che è stato bocciato senza neanche discuterlo e che verrà ripresentato al Senato, come finalmente ha annunciato di voler fare anche Forza Italia”.
“Non ci sono i soldi per i poliziotti, i carabinieri, per i finanzieri, per i vigili del fuoco. Ci sono invece molte magliette con le scritte dei poliziotti e dei carabinieri che il ministro Salvini indossa quasi ogni giorno. Portare una maglietta è facile, rinnovare il contratto di queste persone che difendono la nostra sicurezza ogni giorno -conclude Fiano- non è, evidentemente, altrettanto facile”.