Roma, 31 lug. (AdnKronos) – Il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, invii una informativa asettica alla Corte costituzionale sull’iter seguito per attribuire al Movimento 5 stelle il seggio mancante al Senato ottenuto in Sicilia ma non assegnato per mancanza di candidati e quindi ottenuto in altra circoscrizione, in modo che la Consulta possa pronunciarsi sulla questione. E’ la richiesta formulata dalla delegazione del Pd nel colloquio con Casellati, che si è riservata di decidere e darà la sua risposta alla ripresa dei lavori d’Aula fissata per le 15.
Se la richiesta verrà accolta, il Pd consentirà il prosieguo dei lavori altrimenti, annuncia il capogruppo Andrea Marcucci, continuerà la protesta che ha portato all’occupazione dell’Aula. Assegnare un seggio ad una forza politica in una circoscrizione diversa da quella in cui è stato ottenuto, secondo i Dem viola infatti l’articolo 57 della Costituzione che prevede che l’elezione del Senato avvenga su base regionale.
Si creerebbe così un precedente che in futuro, spiega ancora Marcucci, potrebbe portare ad uno stravolgimento del principio alla base dell’assegnazione dei seggi, qualora un partito decidesse di presentare pochi candidati in regioni nelle quali è particolarmente forte, sapendo di poter coprire eventuali vacanze rispetto ai posti ottenuti con rappresentanti presentati e non eletti in altre parti del territorio nazionale.