Il padre di Valentino Rossi ha commentato le difficoltà del Dottore in questo inizio di stagione, esprimendo il proprio punto di vista

La stagione in corso certamente non è di quelle da ricordare per Valentino Rossi, costretto a guardare da lontano il vertice della classifica. Nonostante la Yamaha sia cresciuta eccome nelle ultime settimane, quella del pesarese continua a singhiozzare, escludendolo sistematicamente dalla bagarre per la vittoria.

valentino rossi
AFP/LaPresse

I punti di distacco da Marquez hanno già raggiunto la tripla cifra (105), ma non sarà questo certamente ad abbatterlo. Sulla sua situazione è intervenuto ai microfoni della Gazzetta dello Sport il padre Graziano, facendo una sua personale analisi sulle difficoltà del figlio: “delle critiche non gliene frega un accidente perché come sempre non legge niente di tutto quello che lo riguarda. E’ in gran forma fisica e questo non lo dico solo io, lo ripetono anche tutti quelli che gli sono vicini. E non è giù di morale. Magari è preoccupato, questo sì, perché indubbiamente ci sono stati dei problemi negli ultimi tempi. Però non per questo è demotivato, anzi. Non lo è mai. E di solito quando è giù per qualche motivo non va più piano, è l’esatto contrario. C’è stato un momento in cui Vale e la sua squadra sono rimasti senza direzione. Mi riferisco alla messa a punto di una moto che già di per sé è abbastanza complicata. Non è un mistero: tutti sanno che la Yamaha è la più lenta tra le moto attualmente in pista, sia in quanto a velocità di punta sia per accelerazione”.

valentino rossi
Alessandro La Rocca /LaPresse

Graziano Rossi poi ha proseguito: “la messa a punto è la chiave, per cercare di recuperare nel misto e nel guidato quel che si perde in rettilineo. Ecco, da un po’ di tempo in qua questo non è riuscito. Nel suo team c’è stata una sbandata, ma ora è tutto risolto. E non significa che ci saranno dei cambiamenti nel gruppo. Sono sicuro che già a Brno, il 4 agosto, Vale sarà al suo 80% e che dal GP successivo potrà ricominciare a lottare per il podio. Condivido un po’ le preoccupazioni di Vale, ma anche il suo ottimismo. E soprattutto vorrei vederlo correre per sempre“.

Valuta questo articolo

Rating: 4.3/5. From 20 votes.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE