LaPresse/Daniele Badolato

Duro sfogo di Aldo Montano dopo l’eliminazione al secondo turno dei Mondiali di Scherma: l’atleta livornese punta il dito contro alcune decisioni arbitrali controverse

Non doveva andare così. Aldo Montano eliminato al secondo turno del tabellone dei Mondiali di Scherma 2019 in corso di svolgimento a Budapest dall’ungherese Csanad Gemesi con il punteggio di 15-14. Una sconfitta che brucia, specie se frutto di alcune decisioni arbitrali controverse. Nel post gara Montano non le manda a dire, sottolinenado come alcune regole poco chiare gli abbiamo precluso l’ultima chance di far bene ai Mondiali in carriera prima del ritiro al termine delle Olimpiadi di Tokyo 2020: “le regole non sono ben codificate e quindi bisogna cambiare qualcosa a monte, così non va assolutamente bene. Su due stoccate pensavo di avere ragione e invece l’arbitro l’ha pensata diversamente. Purtroppo è così, spesso funziona così, non si conoscono bene le regole, non si conosce bene il gioco che è difficile. Pensi di avere ragione e invece hai torto, per altre 25 persone hai ragione, per altre 10 hai torto. E’ stato comunque un match equilibrato, peccato sia andata così. Stavo bene, la reattività c’era così come le buone sensazioni. Peccato perchè non avrò altre possibilità per riprovarci, anzi direi che questa è l’ultima per me.  Gara a squadre? E’ fondamentale quest’anno, siamo partiti bene, abbiamo vinto la prima prova di Coppa del mondo, una medaglia agli Europei, se facciamo bene qui ai mondiali chiudiamo bene la stagione e possiamo partire la prossima con più calma“.