LaPresse

Benedetta Pilato stratosferica a Gwangju: l’azzurra è vicecampionessa mondiale nei 50 rani a soli 14 anni

E’ di Benedetta Pilato la stella che brilla oggi ai Mondiali di nuoto di Gwangju 2019: la nuotatrice italiana ha conquistato oggi un eccezionale argento mondiale a soli 14 anni. La nuotatrice italiana ha dato filo da torcere alla campionessa del mondo, Lilly King, in un finale di fuoco, al termine del quale è scoppiata a piangere per il titolo di vicecampionessa iridata.

La pugliese tocca in 30″00 cedendo solo alla statunitense Lilly King (29″84). Bronzo alla Russa Yuliya Efimova (30″15). Quinto posto per l’altra azzurra Martina Carraro (30″49). Una prestazione da urlo per la giovanissima che ha messo paura alle veterane, mostrando ciò che è capace di fare a soli 14 anni.

A soli 14 anni Benedetta Pilato piange di gioia per un traguardo eccezionale. “Non ci credo, sono contentissima, non posso dire altro, stiamo lavorando bene, adesso devo pensare ai Mondiali Junior, ma voglio vivere questo momento, non ci credo ancora. Non so che dire, non pensavo di poter prendere una medaglia, vedendomi col terzo tempo l’idea mi ha sfiorata ma non me l’aspettavo. E’ bellissimo competere con gente che ha più esperienza, queste esperienze mi aiutano a crescere, adesso mi vivo questo momento. Ho visto la luce sul blocco ed erano 2 pallini, ho iniziato ad urlare, la King infatti mi ha detto ‘tutto ok?’. Mi stavo sentendo male, non so che dire sono sconvolta“, ha raccontato ai microfoni Rai.