adriano galliani
LaPresse

Adriano Galliani rivela importanti retroscena sulla panchina del Milan: Giampaolo già contattato ai tempi di Berlusconi, insieme a Conte e Sarri. Per Icardi ci sarebbe la pista… Monza!

Intervistato da SportMediaset per i suoi 75 anni, Adriano Galliani è tornato a parlare del suo grande amore calcistico, il Milan. L’ex dirigente rossonero ha commentato l’arrivo di Giampaolo, spiegando che l’allenatore di Bellinzona godeva di grande stima dalle parti di Milanello già dai tempi di Berlusconi. Oltre lui furono contattati anche Conte e Sarri, ma la scelta della proprieta cinese fu Montella: “Giampaolo al Milan? Nell’estate del 2016 venne a casa mia perchè lo considero un grande maestro di calcio e poi gioca col modulo preferito di Berlusconi che è il 4-3-1-2. Io spingevo per lui, i cinesi spingevano molto per Montella che io stimo e che ho apprezzato, anche perchè con lui abbiamo vinto l’ultimo trofeo dell’era Berlusconi. Quindi benissimo così. Conte e Sarri in passato vicini al Milan? Conte l’ho corteggiato molto ma non sono mai riuscito ad andare in là col corteggiamento. Anche Sarri è stato molto vicino al Milan e mi è dispiaciuto che non sia venuto. Credo che le tre grandi storiche del calcio italiano quest’anno faranno vedere del bel calcio, ma la mia favorita resta la Juventus“.

Una battuta finale su due attaccanti con le valigie in mano: “Dzeko? Lo amo moltissimo, ho passato un weekend a Sarajevo per acquistarlo anni fa ma poi arrivo’ un’offerta pazzesca del Wolfsburg. Ma l’attaccante che in questo momento mi intriga di più e che sono convinto possa fare molto bene è Icardi. Se venisse al Monza non avrebbe neanche il fastidio di spostarsi da Milano“.