Spada/LaPresse

Marco Giampaolo in fiducia alla vigilia del big match che attende il suo Milan, di scena contro il Bayern Monaco: il neo allenatore rossonero otterrà segnali importanti dalla squadra

L’impegno è di alto livello. Lavoriamo insieme da 10 giorni e mi aspetto di vedere le cose sulle quali abbiamo lavorato. Tra il fuso e il viaggio, facciamo sempre i conti con l’orologio. Però sono fiducioso, la squadra ha lavorato molto bene e con dedizione. Con senso di responsabilità. Qualcosa tireremo fuori e questi sono test che ci diranno dove siamo, dove dobbiamo lavorare e su come prosegue l’interazione tra i giocatori“. Si esprime così Marco Giampaolo, neo allenatore del Milan, alla vigilia dell’amichevole contro il Bayern Monaco. “Al netto della condizione fisica e di un riordino delle cose – aggiunge Giampaolo -, è una partita di calcio dove dobbiamo divertirci e dove valuterò la crescita dei giocatori. La condizione fisica non sappiamo quale sia. Sono partite che ci serviranno. Il risultato mi interessa relativamente, mi interessa la qualità della prestazione e la volontà di recitare un ruolo dentro la partita, che dovrà essere il nostro mantra. Di strada da fare ne abbiamo tanta e sono test che ci permetteranno di fare valutazioni, ogni volta migliori, ogni volta più pertinenti“. Battuta conclusiva su Piatek: “lo conoscevo da avversario, adesso lo sto conoscendo perchè lo sto allenando. E’ un calciatore completo: ha forza, tecnica, senso del gol e della profondità. In questi 10 giorni mi è piaciuto molto“.