Credits: Instagram @Raptors

Lakers e Raptors si sentirebbero presi in giro da Kawhi Leonard: l’MVP delle Finals avrebbe fatto solo perdere tempo alle due franchigie, vista la volontà iniziale di puntare solo all’accordo con i Clippers

Secondo quanto riporta Brian Windhorst di ESPN, Los Angeles Lakers e Toronto Raptors si sono sentite prese in giro da Kawhi Leonard. Il motivo? Il tempo perso ad aspettarlo mentre il resto dei free agent più importanti firmava accordi con altre franchigie. Certo, avere Kawhi Leonard in squadra sarebbe valso il prezzo dell’attesa ed entrambe le franchigie lo sapevano bene, ciò che viene criticato è stato l’atteggiamento dell’ex Spurs.

Kawhi Leonard ha sempre manifestato la volontà di giocare a Los Angeles e, sotto traccia, quella di essere anche il primo violino della squadra (leggasi: non giocare con LeBron James). Durante la free agency però, ‘Kawow’ si è riservato diversi giorni per studiare ogni possibile situazione: si è incontrato con Clippers, Lakers e Raptors; ha contattato Kevin Durant, Kyrie Irving e Paul George al fine di trovare una spalla per unirsi ai Clippers e, una volta accordatosi con PG13, ha finalmente messo in atto il suo piano, accordandosi con la franchigia allenata da Doc Rivers e lasciando Lakers e Raptors a bocca asciutta. I Lakers si sono comunque consolati con l’arrivo di Anthony Davis ed hanno completato il roster con Cousins, Danny Green e altri role-player di buon livello. I Raptors invece dovranno farsi bastare il titolo vinto nella stagione appena conclusa per colmare il grande vuoto lasciato.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE