Roma, 15 lug. (AdnKronos) – Millecinquecento euro per Italia 5 Stelle, la kermesse grillina che quest’anno si terrà a Napoli il 12 e 13 ottobre. I vertici 5 Stelle tornano a ‘batter cassa’ presso i propri eletti, chiedendo di contribuire all’organizzazione delle festa pentastellata. “Come sai, il Movimento 5 Stelle non riceve finanziamenti pubblici e non accetta donazioni dalle lobby – si legge nella mail in possesso dell’Adnkronos – Questo ci permette di avere le mani libere ed è la nostra più grande forza”.
“Da sempre organizziamo eventi pubblici con grande parsimonia e riducendo gli sprechi al massimo. Ma abbiamo bisogno di te e del tuo supporto. Aiutaci con una donazione consigliata a partire da 1.500 euro”, si legge nella mail scritta dai capigruppo di Camera e Senato, Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli.
Una richiesta che sta generando i soliti malumori in casa 5 Stelle, o meglio nella ‘truppa’ parlamentare. Dove sono già molti le voci critiche per i contributi da versare mensilmente -300 euro- all’associazione Rousseau. Un aspetto, questo, che, a quanto apprende l’Adnkronos, è stato sollevato anche nel corso dell’incontro della settimana scorsa a Palazzo Chigi tra il vicepremier Luigi Di Maio e i sottosegretari in quota grillina.